www.mat2020.com

www.mat2020.com
Cliccare sull’immagine per accedere a MAT2020

martedì 10 ottobre 2017

Il 10 ottobre 1969 "In The Court of the Crimson King"


«È un crudo resoconto delle paure e delle angosce dell'uomo del ventunesimo secolo che rifugge solitudine e alienazione ( I Talk to the Wind ) rifugiandosi nella corte del Re Cremisi: una dimensione maestosa e lisergica fatta di sogni e illusioni, delicate armonie di tempi lontani ( Moonchild ) e mondi antichi, personaggi fantasy, pupazzi che danzano, buffoni di corte, illusionisti. »


Hello,
usciva il 10 ottobre 1969 "In The Court of the Crimson King", primo album dei King Crimson...
Da quel giorno per la musica..."niente fu più lo stesso"!
Che altro aggiungere… CAPOLAVORO
…di tutto un Pop
Wazza

La copertina di In the Court of the Crimson King fu disegnata da Barry Godber, un giovane programmatore di 23 anni, scomparso prematuramente l'anno successivo per attacco cardioco; i due dipinti, che quindi rimangono le uniche opere di Godber, sono conservati attualmente da Robert Fripp. Il dipinto utilizzato per l'esterno della copertina rappresenta il volto di un uomo spaventato, con gli occhi spalancati, mentre urla; l'uomo, con il volto sfigurato e l'orecchio sproporzionato, rappresenta l'uomo schizoide del ventunesimo secolo di cui parla il primo brano. All'interno, invece, è presente un volto apparentemente calmo e sorridente, che mostra anche le mani, in posa ieratica: rappresenta il Re Cremisi, eponimo sia dell'album che del gruppo; in entrambi i dipinti il colore predominante è il rosso cremisi, accompagnato dal blu.

Nessun commento:

Posta un commento