www.mat2020.com

www.mat2020.com
Cliccare sull’immagine per accedere a MAT2020

mercoledì 21 giugno 2017

Il 21 giugno di Big Francesco, di Wazza


21 Giugno

"La vera guerra non si fa con le armi, si fa con il cuore, per questo sono un eroe."
(Piero Ciampi)
Ci sarai sempre... Buon viaggio Capitano!
Wazza

Intervista di Dario Albelli

Ad una manciata di minuti dall' inizio del concerto de Le Orme e del Banco del Mutuo Soccorso, al Viper di Firenze, Di Giacomo il 14 Aprile si è concesso per 60 minuti alle nostre domande: i ricordi di una lunga carriera dal 1970 ad oggi.

Una intervista ed un concerto favoloso!

Giancarlo Passarella: -Dario, hai davanti la storia del rock italiano…
Francesco Di Giacomo: -
beh, anche la geografia!

Quest
intervista inizia col sorriso, e non nascondo che in quel momento rompere il ghiaccio sia stato un sollievo. Daltro canto Francesco Di Giacomo è la voce del Banco dal 1971, un grande artista oltre che un simbolo. Per motivi di brevitas ho dovuto operare qualche taglio, dunque non perdiamo altro tempo. Ecco riproposto per voi il nostro dialogo!

Francesco, fra poco più di un
ora sarai con il Banco sul palco del Viper insieme a Le Orme. Ma dove nasce lidea di affiancare due nomi così grandi in un solo tour?
L
idea è venuta a Giancarlo Amendola, il nostro manager. Venivamo da una data particolare in cui il Banco e Le Orme avevano condiviso lo stesso palco, con una bellissima risposta del pubblico. 
Perché non unirci, di questi tempi, in un tour che ci rendesse più fruibili e meno invasivi economicamente sul pubblico? Non è stata una passeggiata, perché per spartirsi un palco ci vuole affiatamento, e organizzazione. A chi non piacerebbe suonare con la New York Philharmonic!

Per voi questo è anche un compleanno!
Beh sì,non siamo artisti maledetti, però abbiamo la presunzione di dire di aver vissuto con attenzione quello che ci accadeva intorno. Un concerto viene da 300000 note, 300000 frasi scritte, cose bellissime che accadono e altre cose che hai dimenticato. Abbiamo cercato di riassumere questi anni in momenti musicali. Tante soddisfazioni, ma anche tante difficoltà. Cito sempre lintervista ad un ragazzo che aveva assistito al concerto del nostro trentennale. Il ragazzo disse: -Per me era un giorno bellissimo, lo aspettavo da tanto. Arrivato là, grande delusione. Il gruppo è stanco, il cantante affaticato, non ce la fanno più.... Non mi sono detto, guarda che stronzo questo! Cè un equivoco di fondo: the show must go on. Assolutamente no. Io non sono un medico che deve far di tutto per non sbagliare la diagnosi. Io porto avanti delle emozioni, e le emozioni non possono essere ripetute allinfinito. Cantando dei brani, per centomila volte ho avuto la pelle doca, qualche volta no! Questa società ci priva del senso critico. Io devo essere inattaccabile, bellissimo, forte: ho sessantacinque anni. Sul palco non può passare un nastro emotivo che ha sempre la stessa altezza, lo stesso colore. Quel ragazzo poi però ha detto: “”… che bello peròil concerto è sempre diverso. Il Banco non dice mai le stesse cose: mi piace sentire lodore del pubblico che ho davanti, e cambiare il canovaccio.

Recentemente Musicalnews ha incontrato i dirigenti SIAE, ponendo domande scomode e sfatando alcune leggende. Anche in relazione alla lettera di Tony Pagliuca a Celentano durante il Festival di Sanremo, nella quale si denuncia la soppressione del sussidio mensile di 615 euro, che ne pensi delle recenti novità nella gestione dei diritti d
autore?
Sarò breve, perché non sono molto ferrato sull
argomento. Io sono andato in pensione due mesi fa, ed ho il mio assegno mensile. Fino al 1996 cera una legge che prevedeva di dover fare 900 versamenti allE.N.P.A.L.S.; io ero a 1400 versamenti - quindi ben oltre - e tuttavia ci sono stati alcuni problemi. Preferisco non pronunciarmi sul caso Pagliuca, però è risaputo, siamo in un momento critico. Per fortuna ogni tanto faccio altri lavori. Bisogna sforzarsi di capire cosa significa essere artisti in Italia. Se sei artista in Francia e non hai lavoro, ti danno 300 al mese, una casa dove paghi molto poco ed hai diritto ad andare a vedere tutti gli spettacoli artistici ad un prezzo irrisorio. Sei artista tutto lanno. E il concetto di fondo ad essere diverso. Qui in Italia vale ancora quella frase che mi disse il mio ex suocero :-sì, lei suona, ma che lavoro fa?- In effetti io facevo un non lavoro, senza orari e stabilità: ho precorso il precariato con 40 anni danticipo. (ride)

5 anni fa vi abbiamo seguito nel vostro tour in Giappone, con un reportage che iniziava a Fiumicino e vi seguiva fra Tokyo e Kyoto. Qualche aneddoto particolare?
E
una situazione sicuramente preoccupante: loro cantano i nostri pezzi a memoria senza sapere cosa dicono. Però il pubblico è molto appassionato, e se si parla di giapponesi non è cosa da poco. Diventano un pò pensanti a fine concerto, quando mille persone vogliono farsi una foto con te!

Quanto cambia il Banco davanti ad un popolo così diverso?
L
ultima cosa che voglio è snaturarmi. Ho passato il pomeriggio ad imparare a memoria a dire Benvenuti, spero che quello che facciamo possa piacervi, possa toccarvi in qualche modo, possiate gradirlo. Cerchiamo di dare sempre il meglio perché se eseguire una hit famosa è un doping che chiama da sola metà dellapplauso, laltra metà delleccitazione deve venire da noi. Laffetto del pubblico è qualcosa di unico. Negli States cera anche un ragazzo con la maglia della Roma, e non eravamo a Little Italy! Ognuno di noi ha una vanità. Ti viene da pensare di aver dato qualcosa, di averlo fatto nel modo giusto.

Adesso una curiosità da musicista: che aria si respirava nei Settanta e quanto sono cambiati i rapporti fra musicisti dai Settanta ad oggi?
Ho dei ricordi vaghi. Innanzitutto a ventanni si ha diritto allimbecillità: ne ho avuto diritto anche io e lho usato. Cera chi misurava lo stare sul palco dalla lunghezza del camion o dalla grandezza delamplificatore. Una prova di muscoli, anche fra chi non ne aveva bisogno. Ricordo che nel 1970 quel che ci mancava era il rispetto economico. Eravamo giovani e si suonava spesso senza essere pagati, con grandissima fatica nel montare e smontare tutti gli strumenti. Allo storico Piper Club ci offrirono 25.000 lire per suonare sabato e domenica, da dividere in 6. Ci fu come unassemblea di musicisti e nessuno suono quel sabato al Piper. Ma la domenica cera già un’altra band decisa a suonare, pagata 20000 lire. Glielo dissi: se facciamo così è finita, siamo comprabili. Laltro aspetto era il tutto è possibile. Si facevano cose meravigliose. Ricordo un viaggio col furgone FIAT 238, col pianoforte sopra. Cera anche Stefano DOrazio dei Pooh, per suonare a Milano. A concerto terminato annunciammo che non avevamo unetichetta, e a fine serata eravamo sistemati. Erano altri tempi. Cera un vuoto musicale enorme. Un pò quel vuoto musicale che cè anche oggi, solo che adesso se non appari non esisti. I talent show dellassurdo e della crudeltà sono fabbriche dipocrisia.

Tornando al vostro compleanno, leggo che fra biografie,cd e dvd vi aspetta una stagione di fuoco!
Dopo il libro di Vittorio (Nocenzi) a fine anno uscirà la biografia del Banco di Francesco Villari. Inoltre stiamo lavorando ad un album molto particolare,
Sacro Massacro: saremo ospiti dei nostri brani, reinterpretati per loccasione da musicisti che stimiamo. Lalbum conterrà anche 3 pezzi nuovi, di cui uno con Battiato. Che poi è sempre inutile concentrarsi troppo sul futuro, le occasioni verranno da sole. Il progetto è arrivare in salute al gran finale, come diceva il grande Lucio.


Chiudo chiedendoti: che ne pensi della decisione di Ivano Fossati di ritirarsi dalla scena musicale?
La trovo una cosa molto bella. Si tratta di una scelta difficile e matura. C
è gente che sta in tour tutto lanno, che ha la sindrome da palco e che non lo lascia mai. Sono vicende personali. Sarà triste non vederlo più in concerto, ma se lo voglio ascoltare metto su un bel disco, ed è un gran disco. E ti dirò, quando sono fuori non vedo lora di tornare a casa, perché sono stanco. Quando sono a casa, dopo tre giorni arriva questa zingarite che mi dice: “oh, ma quando se riparte?”. E’ un virus reale, non solo una condizione mentale. Ti accorgi un giorno di non poter più fare a meno di quel rumore nelle orecchie.


martedì 20 giugno 2017

La riabilitazione di Yoko Ono, di Wazza


"Le streghe hanno smesso di esistere quando noi abbiamo smesso di bruciarle"
(Voltaire)

Ogni tanto, fa piacere leggere qualche bella notizia…
Sarà perchè ormai è una "tranquilla vecchietta", ma sembra che a Yoko Ono sia stata riconosciuta come autrice di "Imagine", considerato dalla critica il brano più bello dello scorso secolo!
La stessa critica benpensante, che per anni l'ha massacrata pensando a lei come la strega che ha distrutto i Beatles, la sfascia famiglie, quella che aveva "politicizzato" Lennon, che non scriveva più canzoni cuore-amore.
Gli stessi intellettuali (di solito indossano Clarck, Lacoste e pantaloni di velluto...), che quando morirà la santificheranno come il grande amore di John, la sua musa ispiratrice, quella che l'ha trasformato in un genio... Quanta ipocrisia my friends!
Tremate, tremate, le streghe son tornate!!!
Wazza

E adesso odiatela pure: "Imagine nasce da Yoko Ono, va riconosciuta come autrice"…
L'annuncio rivoluzionario attorno alla canzone più celebrata di sempre. A confermare l'annuncio recente, anche una intervista a Lennon del 1980.

La donna che separò per sempre John da Paul, che spaccò i Beatles, ora spacca definitivamente tutti gli stereotipi che si sono accumulati alla band fondamentale per la storia del pop, e su di lei. Ottantaquattro anni, ridotta in sedia a rotelle, Yoko Ono qualche giorno fa si è vista tributare il riconoscimento che finora era sempre stato un tabù assoluto, e che tra breve potrebbe concretizzarsi del tutto: che sia stata lei a fornire l'ispirazione fondamentale per la canzone più amata e citata di tutti i tempi, Imagine. Che quella canzone scritta da John Lennon sia nata da versi poetici scritti da Yoko, e ispirati alla sua infanzia e al terrore della bomba atomica che devastò il Giappone in cui Yoko è nata. Imagine è, dunque, anche un pezzo di Yoko. A svelare la decisione della NMPA, l'associazione nazionale degli editori musicali americani, è stato Sean Lennon, figlio di John e Yoko, in un post commosso su Instagram.



Yoko in lacrime…

Premiata dalla NMPA come canzone del secolo, per come racconta il sogno, l'utopia, l'impossibilità di arrendersi al mondo semplicemente per come si presenta, e quindi la voglia di continuare a cambiarlo in meglio, Imagine potrebbe vedere accreditata come autrice Yoko Ono. Il suo nome comparirebbe accanto a quello di John. Permettendo tra l'altro di rinnovare i vincoli del diritto d'autore e di sfruttamento commerciale del brano, che sarebbe libero da vincoli per legge dopo 70 anni dalla morte dell'autore (e ne mancano molti, Lennon è stato assassinato nel 1980) ma, soprattutto, rendendo giustizia alla fondamentale ispirazione che i versi di Yoko fornirono a John nello scrivere il suo brano più celebrato. La stessa Ono, di fronte alla notizia, è scoppiata in lacrime.



lunedì 19 giugno 2017

Pink Floyd in Italia nel giugno del 1971, di Wazza


Hello
Pink Floyd in tour in Italia con due date... 19 e 20 giugno 1971

19 Giugno 1971
Palazzo delle Manifestazioni Artistiche, Brescia

Lo show sostituì quello in programma al Palazzo dello Sport di Bologna che, a sua volta, era stato scelto al posto del Palasport di Milano. Entrambi I concerti furono annullati per la mancata autorizzazione delle autorità locali.

Atom Heart Mother, Careful With That Axe Eugene, Fat Old Sun, The Embryo, Return Of The Son Of Nothing, Set The Controls For The Heart Of The Sun, Cymbaline.
Bis: A Saucerful Of Secrets

20 Giugno 1971
Palazzo dello Sport EUR, Roma

Ultima data del tour e ultima esibizione in Italia della band per 17 anni.

Atom Heart Mother, Careful With That Axe Eugene, Fat Old Sun, The Embryo, Return Of The Son Of Nothing, Set The Controls For The Heart Of The Sun, Cymbaline, A Saucerful Of Secrets.
Bis: Astronomy Domine

La data del 19 giugno fu cambiata tre volte (come si legge dai giornali dell'epoca), prima Bologna, poi Milano e infine Brescia.
Due date che raccolsero un grande success, e consacrarono i Pink Floyd in Italia.
... di tutto un Pop
Wazza





domenica 18 giugno 2017

Ricordando Claudio Rocchi


Hello,
il 18 giugno 2013 Claudio Rocchi lasciava questo mondo terreno...

E’ stato definito "il più originale dei cantautori italiani e il più intransigente verso le sue convinzioni musicali""un artista intelligente e originale, un caso raro in Italia, un instancabile agitatore culturale,figlio in tutto e per tutto degli anni Settanta, dei quali è stato grande protagonista"…

E mi fermo qui!

Rip Claudio
Wazza

sabato 17 giugno 2017

Gianni Nocenzi nella Cattedrale di San Clemente, di Wazza

Fotografia di Francesco Desmaele

E' cosi buono Gianni, ma...

"La bellezza è l'insieme delle qualità percepite tramite i cinque sensi, che suscitano sensazioni piacevoli che attribuiamo a concetti, oggetti, animali o persone nell'universo osservato, che si sente istantaneamente durante l'esperienza, che si sviluppa spontaneamente e tende a collegarsi ad un contenuto emozionale positivo, in seguito ad un rapido paragone effettuato consciamente o inconsciamente, con un canone di riferimento interiore che può essere innato oppure acquisito per istruzione o per consuetudine sociale.
Nel suo senso più profondo, la bellezza genera un senso di riflessione benevola sul significato della propria esistenza dentro il mondo naturale."

Questo e quello che ho provato venerdì sera dentro la Cattedrale di San Clemente, a Velletri, durante il concerto di Gianni Nocenzi.
Degno finale di due giorni dedicati ai "Percorsi di autonomia e di eccellenza nella disabilità", un concerto per raccogliere fondi per A.I.P.D. (Associazione Italiana Persone con sindrome di Down dei Castelli Romani). Un piano a coda davanti all'altare nella suggestiva cattedrale, anche gli angeli affrescati ai muri sembra che non aspettino altro di sentirlo suonare.
Occasione per riascoltare alcuni brani di quel capolavoro che si chiama "Miniature".
Gianni suona con il cuore, con la passione, la consapevolezza che la musica serva a smuovere coscienze, e visto il luogo è proprio il caso di dire che la gente ascolta con "religioso silenzio".
Il volo delle "Farfalle" si percepisce attraverso le sue note. La solidarietà è fatta dalle persone, Gianni ce la porta attraverso il suo linguaggio, ci insegna che, se puoi dare o fare qualcosa non devi tirarti indietro.
Solo "contro" tutti, sul filo senza rete, lui e il pianoforte. L'arte a disposizione dei più deboli, il "bello di essere diversi". Gianni ancora una volta dimostra la sua grande sensibilità verso certi temi, la solidarietà si materializza in emozioni dentro ogni persona presente.
Finale dedicato alla sua gioventù, a quella scuola di vita e di pensiero chiamata "Banco del Mutuo Soccorso" ...750.000 anni fa l'amore e Traccia II ci avvolgono, ci fanno riflettere a quanto siamo fortunati rispetto ad altre persone e non ce ne rendiamo conto.
E’ cosi buono Gianni, ma... dovremmo dedicare più tempo alla solidarietà, a queste associazioni e volontari che spendono le loro energie per permettere una "vita normale" a queste persone, dobbiamo "Invertire la rotta", come dal titolo del convegno. 
Grazie ancora alla bellezza che Gianni Nocenzi ci ha dedicato, peccato per gli "amici", (abitanti nei paraggi) assenti… la solidarietà non si fa con i "mi piace"!
Wazza


venerdì 16 giugno 2017

Racconti sottoBanco


Racconti sottoBanco

Articolo apparso su Ciao 2001 del 16 giugno 1973 sul Banco del Mutuo Soccorso

Reduci dell'incredibile doppietta del "Salvadanaio" e "Darwin", preparano il prossimo lavoro previsto per novembre nella "stalla" di Marino.
Una vera stalla nella campagna di Marino, riadattata a studio di registrazione, per lavorare in tranquillità a contatto con la natura...
Dicono di sentirsi vicini ai Pink Floyd, "per la comune volontà di fare della musica uno strumento di comunicazione di sensazioni e di atmosfere".
Sempre dall'articolo: "Ci piacciono molto gli Osanna e molte cose della Premiata.  Tra i meno conosciuti gli Area, che speriamo abbiano successo, ed un gruppo che abbiamo sentito a Forlì, il Duello Madre".
Wazza


giovedì 15 giugno 2017

Tour Dates 15‑21 giugno 2017, di Zia Ross


Ecco i concerti della settimana.
Divertitevi!

Ciao
Rossana

TOUR DATES 1521 GIUGNO 2017



Giovedì 15/06

CAMPO SPORTIVO DI APPIGNANO ‑ Via Degli Impianti Sportivi ‑ APPIGNANO (MC)
THE GANG

ETNICA VICCHIO ‑ Piazza Giotto  ‑ VICCHIO (FI)
MODENA CITY RAMBLERS
info: 055/8448251 ‑ 320/8285589 ‑ info@jazzclubofvicchio.it ‑ www.jazzclubofvicchio.it ‑ Https://Www.Facebook.Com/EtnicaJcov/

PORTO ANTICO ARENA DEL MARE ‑ Calata Molo Vecchio 15 ‑ GENOVA (GE)
GINEVRA DI MARCO
GOA BOA FESTIVAL

UNICREDIT PAVILION ‑ Piazza Gae Aulenti, 10 ‑ MILANO (MI)
PEPPE SERVILLO, SOLIS STRING QUARTET

AQA CAFÈ ‑ Corso Italia 7 ‑ GENOVA (GE)
LO RIFACCIAMO! MACRAMÉ LIVE CONCERT
A grande richiesta, si replica! una serata davvero speciale per la serie "a volte ritornano"...drink e musica in compagnia dei Macramé con Aldo De Scalzi e le voci di Roberto Tiranti , Matteo Merli e Carlo Parola
tastiere: Luca Cresta
chitarre: Andrea Maddalone
basso: Massimo Ben Trigona
batteria: Roberto Maragliano
percussioni: Dado Sezzi

LIVE CLUB TREZZO  ‑ Via Mazzini, 58  ‑ TREZZO SULL'ADDA(MI)
GOV’T MULE
info:  02/90980262 ‑ 348/5799006 ‑ www.liveclub.it ‑ www.myspace.com/livemusicclub ‑ www.facebook.com/livemusicclub
Inizio concerti h. 20.30
Posto unico in piedi: € 30,00 + prev.
Biglietti disponibili su Ticketone
I Gov’t Mule, jam band rock americana, si sono formati nel 1994 dall’incontro di Warren Haynes e Allen Woody. Nati come progetto parallelo agli Allman Brothers Band, debuttano nel 1995 con l’album Gov’t Mule. Nei loro lavori le collaborazioni d’eccellenza sono una costante: da Ben Harper a Elvis Costello, passando per John Entwistle degli Who e Flea dei Red Hot Chili Peppers. Nel corso degli anni i Gov’t Mule si sono esibiti come head liner in molti festival musicali di livello internazionale, ospitando spesso tra le proprie fila membri di altri gruppi funk-rock e blues. Oltre a Warren Haynes, voce e chitarra della band, fanno parte dei Gov’t Mule anche Matt Abts (batteria e percussioni), Danny Louis (voce/chitarra/tastiere) e Jorgen Carlsson (basso).

AUDITORIUM DEL CONSERVATORIO NICOLINI ‑ Via Santa Franca 35 ‑ PIACENZA(PC)
THE LOOMINGS
MUSICHE NUOVE A PIACENZA
Band di rock sperimentale proveniente da Strasburgo in tour
Canzoni a metà strada tra il rock e la musica contemporanea: i musicisti di Loomings colgono di sorpresa il pubblico con sonorità uniche, un misto di voci, percussioni, strumenti acustici ed elettronici. La loro musica appartiene alla tradizione pop-rock sperimentale – dai Beatles a Rock In Opposition passando da Zappa e Prince- con la volontà di avventurarsi più lontano sul percorso indicato dai “pionieri” e non di ripercorrerne passo passo le orme.
Il progetto di Loomings nasce su impulso di Jacopo Costa, musicista italiano trapiantato a Strasburgo: approfittando della vitalità musicale del capoluogo alsaziano, Jacopo raggruppa musicisti dai percorsi artistici eterogenei per realizzare le proprie composizioni. La formazione rappresenta così l’incontro tra cantanti liriche, musicisti vicini al jazz e altri con un background più rock o ancora vicino all’elettroacustica: il risultato di quest’alchimia — ora poetico, ora ironico, ora energico — invita gli spiriti più avventurosi a esplorare nuovi territori musicali. L’album d’esordio è “Everyday Mythology”.
Inizio concerto ore 21.30
Ingresso gratuito

LA MUNTÀ RISTORANTE BIRRERIA ‑ Via Mazzini  ‑ PIACENZA (PC)
THE BEGGARS IRISH BAND
BALA CUI RATT 2017
info: prenot. Tavoli: 0523/498929 ‑ https://www.facebook.com/pg/La-Muntà-879302175443865
Serata Irish Music tutta ballare, 6 musicisti Occitani sul palco

FUORILUOGO ‑ VIA GOVONE 15 ‑ ASTI (AT)
RADIO IN CARNE ED OSSA
EDOARDO "CATFISH" FASSIO E PAOLO BONFANTI
SAGRA DEL BLUES 2017 VII EDIZIONE
L'ASSOCIAZIONE SDB PRESENTA
SAGRA DEL BLUES 2017 VII EDIZIONE
VEN 15 GIUGNO ORE 21:00
SPETTACOLO DI ANTEPRIMA INGRESSO 7€


Venerdì 15/06

ALTROQUANDO ‑ Via Corniani 32 ‑ ZERO BRANCO (TV)
QUARTO VUOTO ‑ RELEASE PARTY DELL'ALBUM ILLUSIONI
I Quarto Vuoto tornano in concerto per presentare il nuovo album, “Illusioni” (Lizard Records), nella data di uscita ufficiale del disco.
Inizio concerto ore 21

PISCINE MOND'AZZURROVia Pietro Baldi 42BORGORATTO (AL)
MUSICA SOTTO LE STELLE:
BEGGAR'S FARM
info:0131/27859
Apericena benefico per raccogliere fondi a favore dell'associazione "Il Sole Dentro" di Alessandria.
Dalle 20.30 verranno serviti piatti tipici e ottimi vini con la musica della Beggar'S Farm e gli Astrofili FAI che ci guideranno nell'esplorazione del cielo.
Tutto ciò nella splendida cornice delel Piscine di Borgoratto.
Costo per gli adulti 15€, bambini 10€ tutto compreso.

BIRRA IN CORSO ‑ Via Mazzini ‑ CASTEL SAN GIOVANNI (PC)
ANDREA VERCESI
Venerdì sera sarà davanti al "Mazzini" in via Mazzini a Castel San Giovanni (PC) con il mio "SoloAcustico"...musica, birra e carne alla griglia = ESTATE!!! :-) ...caldo lo fa quindi...ce ne eravamo accorti che era già arrivata l'estate! :-) :-) :-) ...vi aspetto... :-)”

COOPERATIVA LA LIBERAZIONE ‑ Via Lomellina 14 ‑ MILANO (MI)
JAZZ IN COOPERATIVA
DANIELE CAVALLANTI “A WORLD OF SOUND QUARTET” PLAYS ORNETTE COLEMAN
JAZZ IN COOPERATIVA ‑ ore 19.30
DANIELE CAVALLANTI “A WORLD OF SOUND QUARTET” Plays Ornette Coleman
Daniele Cavallanti tenor sax
Francesco Chiapperini alto sax, bass clarinet and flute
Gianluca Alberti bass
Toni Boselli drums

CATTEDARELE SAN CLEMENTE ‑ Piazza S. Clemente, 1a ‑ VELLETRI (RM)
GIANNI NOCENZI IN CONCERTO
"PIANO SOLO"
16 Giugno 2017 ‑ h 21
Quando la musica è solidarietà, al servizio dei più deboli. Nell'ambito della rassegna "Invertire la rotta".
Oltre ad assistere ad un grande concerto darete una mano all'Associazione "Zona Franca" che da anni si occupa di bambini con la sindrome di Down.
Non dovete mancare
Imperdibile Piano Solo di Gianni Nocenzi all'interno della magnifica Cattedrale di San Clemente.
Il concerto chiude 2 giorni di incontri sul tema 'Percorsi di autonomia ed eccellenza nella disabilità. Il contributo di Gianni a supporto dell'Associazione Italiana Persone Down.


16-17-18 giugno 2017

ROOTSWAY ‑ ROOTS'N'BLUES & FOOD FESTIVAL ‑ Rocca Di Novellara ‑ NOVELLARA (RE)
ROOTSWAY ‑ ROOTS'N'BLUES & FOOD FESTIVAL
info: www.rootsandblues.org ‑ info@rootsandblues.org ‑ 3393849219
ROOTSWAY ‑ Roots'n'Blues & Food Festival
torna l'evento enogastronomico più amato d'Italia che si tinge di rosa nella prima tappa di Novellara (RE)
W le donne” è il motto del Rootsway – Roots’n’Blues & Food Festival in questa sua tredicesima edizione che per la terza volta si ferma a Novellara, dove, nelle sere del 16 e 17 giugno oltre alla domenica 18 a pranzo, colorerà di rosa la bellissima quattrocentesca Rocca eretta dai Gonzaga. Mai come quest’anno la manifestazione ha dato spazio alle donne, da sempre grandi esponenti del blues, anche per dare un forte segnale contro un problema sociale che non dà segni di regressione e manifesta tutta la viltà di un barbaro gesto come il femminicidio, sempre troppo tristemente attuale. In un comune accordo tra l’Associazione Rootsway di Parma, ideatrice ed organizzatrice del Festival, con un’Amministrazione Comunale sempre attenta e partecipe, la Regione Emilia-Romagna e la Proloco di Novellara e in collaborazione con A-Z Blues, quest’anno la data del celebre festival itinerante ‑ che si caratterizza per l’abbinamento tra la grande musica di matrice rurale statunitense (che di soprusi ne ha raccontati tanti) e l’ottimo cibo – sarà interamente dedicato alle donne, vere regine di questi 3 giorni, dove l’amore per la buona cucina e la passione per la vera musica vogliono regalare al sempre numeroso pubblico emozioni positive e lo spirito della sincera amicizia e rispetto. Donne belle e brave sul palco ma anche ai fornelli, perché quest’anno la grande novità sarà la domenica dove si mangerà sì al ritmo della musica di New Orleans, ma il pranzo verrà cucinato da Stephanie Ocèan Ghizzoni che regalerà al pubblico una vera e propria lezione di cucina Cajun, preparando, assieme alle tante donne che compongono la Proloco locale, il piatto principale, e spiegando i segreti e i misteri che hanno reso celebri cibi come la Jambalaya o il Gumbo, mentre MAx LAzzarin al pianoforte farà da colonna sonora portandoci, come d’incanto, nelle paludi del Deep South della Louisiana. Dopo pranzo potremo assistere al vero spettacolo dei Bayou Moonshiners il celebre duo che ha appena rappresentato l’Italia al recente European Blues Challenge tenutosi in Danimarca, dove ha letteralmente incantato il numerosissimo pubblico accorso per l’evento promosso dall’European Blues Union che, guarda caso, è nata proprio al Rootsway nel 2008.
Ma tutto comincerà venerdì 16 giugno quando sul palco salirà Michelle Cristofori con gli idoli locali, Rufus Party e il loro blues contaminato ad aprire questa tredicesima edizione del Rootsway Festival. Dopo di loro sarà la volta della regina del blues italiano, quella Linda Valori che ha saputo incantare il pubblico di mezzo mondo con la sua voce soul e la sua coinvolgente simpatia. Ad affiancare la bravissima artista marchigiana avremo la sua band guidata dal grande chitarrista Maurizio Pugno, uno dei più apprezzati performer non solo in Italia. Il sabato 17 giugno ad alternarsi sul palco saranno due differenti versioni del blues, sempre con donne in primo piano. Aprirà Veronica Sbergia che assieme a Max De Bernardi è protagonista di uno dei più celebri duo di musica folk e blues, particolarmente apprezzati negli USA dove, ormai, sono di casa ospiti delle principali manifestazioni. Uno spettacolo che saprà incantare il pubblico del Rootsway che aveva avuto la gioia di ospitare i due artisti ad una delle loro prime esibizioni nel lontano 2007. Arrivano dalla Campania i Blues Queen con la voce di quel tornado di bravura e simpatia che è Alessandra Bene, magistralmente supportata dalla propria ormai storica band in un mix di blues e Rhythm’n’Blues di altissimo spessore. Tre giornate, quindi, di grande musica e cultura con la presentazione (sempre domenica) del libro fotografico “Tracce di Blues” del fotografo parmense Gigi Montali che ci porta a rivivere un viaggio da New Orleans a Chicago, seguendo il percorso naturale che la musica blues ha compiuto all’inizio dello scorso secolo, oltre ad un mercato dove sarà possibile trovare dischi, gadget e memorabilia legati alla musica.
A Tavola Con Il Blues” è il motto di questo evento – che si è meritato nel 2009 l’ambito Keepin’ The Blues Alive Awards, gli Oscar del Blues che la Blues Foundation di Memphis ogni anno assegna alle migliori rassegne mondiali – che come da consuetudine è ad
Ingresso Gratuito
VENERDi 16: RUFUS PARTY FEAT. MICHELLE CRISTOFORI ‑ LINDA VALORI BAND
SABATO 17: VERONICA SBERGIA & MAX DEBERNARDI ‑ THE BLUES QUEEN
DOMENICA 18: A PRANZO COI BAYOU MOONSHINERS
INGRESSO LIBERO


Sabato 17/06

TEATRO DONIZETTI ‑ Piazza Cavour 15 ‑ BERGAMO(BG)
LA NOTTE DEL CAMPANELLO ‑ SLEEP CONCERT
info:035/4160622-602-603 ‑ 335/5471288 ‑ www.teatrodonizetti.it
Nella splendida cornice del teatro, dalle 24:00 fino alle 9:00 del mattino dopo, mentre il pubblico riposa comodamente, si susseguiranno i live di musicisti che j'adore, tipo Alessandra Novaga, Lino Capra Vaccina, Helena Espvall, Maria Chavez ed altri ancora.
Ci sono solo fino a 200 posti disponibili, quindi non esitate a prenotare il vostro, l'esperienza ne vale decisamente la pena.
L'anno scorso, la prima di queste esperienze targate Invisible Show / CTRL magazine / Fondazione Donizetti è stata davvero magica.
Info e biglietti qui: http://invisible-show.tumblr.com/
Al termine della notte, toccherà a me chiudere la nottata (che è meglio che "dare il buongiorno") con una selezione di dischi.
Se siete lesti a far su le vostre cose e a lavarvi i denti magari riuscite a schivarla.”

AUDITORIUM DEL CONSERVATORIO NICOLINI ‑ Via Santa Franca 35 ‑ PIACENZA (PC)
FREDERIC RZEWSKI & EVAN PARKER ‑ DOPPIO CONCERTO
CONCERTO MONOGRAFICO DEL COLLETTIVO_21 DEDICATO ALLA MUSICA DI FREDERIC RZEWSKI
THE TOPOGRAPHY OF THE NIGHT
EVAN PARKER
LINO CAPRA VACCINA
WALTER PRATI
SPECIAL GUEST GIANNI MIMMO ANGELO CONTINI
Serata unica con FREDERIC RZEWSKI e EVAN PARKER
Una serata incredibile: una collaborazione tra il Collettivo_21, con l'ultimo concerto del festival incó_ntemporanea, e la rassegna Musiche Nuove A Piacenza, per un unico evento con grandi nomi della musica del nostro tempo.
Dalle ore 20.30 concerto monografico del Collettivo_21 dedicato alla musica di Frederic Rzewski: il compositore americano sarà presente, dopo la masterclass pomerdiana tenuta proprio al Conservatorio.
A seguire "The topography of the night": Evan Parker al sax, con Lino Capra Vaccina, Walter Prati e alcuni ospiti.
Un evento irripetibile: la musica del nostro tempo, nelle sue molteplici sfaccettature, a ingresso gratuito.

SPAZIO ANTEPRIMA ‑ Viale Lombardia 30 ‑ SARONNO (VA)
FABIO ZUFFANTI – AMORE ONIRICO TOUR
Fabio Zuffanti presenta questa sera il suo ultimo lavoro “Amore Onirico”, otto pezzi brevi e scarni che rappresentano quasi delle confessioni; chitarre, voce, piano e poco altro a offrire una dimensione intima che porta alla luce pensieri, immagini, rabbia, ricordi e dolori che da tempo stagnavano nell’anima di Fabio. “Amore Onirico EP” è un breve antipasto che farà da preludio al nuovo full-album al quale Zuffanti sta lavorando assieme a Livio Magnini (Bluvertigo), un ulteriore tassello nella sua ventennale avventura musicale. “Amore Onirico EP” esce il 31 marzo 2017 su etichetta AMS Records in edizione limitata a 100 copie solo su musicassetta e digital download.

EREMO CLUB ‑ S.S. 16 Molfetta-Giovinazzo Km.779 ‑ MOLFETTA (BA)
GARBO
info: 3407225770 ‑ Info@Eremoclub.Com ‑ Www.Eremoclub.Com
Insieme a Faust'O, Neon, ai Diaframma e al primo Enrico Ruggeri, è stato un esponente della new wave italiana, corrente musicale nata nei primi anni ottanta e ispirata da artisti internazionali come David Bowie, Bryan Ferry, Japan e Ultravox.

PIAZZA MUNICIPIO ‑ ARPINO (FR)
IL MITO NEW TROLLS
Il Mito New Trolls è una delle formazioni storiche del rock italiano. Nella attuale formazione, Ricky Belloni e Giorgio Usai, Andrea Cervetto e Alessandro Polifrone ripropongono i loro più grandi successi: Una miniera, Aldebaran, Quella carezza della sera, Concerto Grosso, Faccia di cane e molti altri ancora.

WISHLIST ‑ Via Dei Volsci 126 ‑ ROMA (RM)
INGRANAGGI DELLA VALLE
info:  3497494659 ‑ wishlistclub@libero.it
Torna in concerto la talentuosa band romana degli Ingranaggi Della Valle. Lo scorso anno è uscito per la Black Widow Records il loro secondo album “Warm Spaced Blue”.
Nella stessa serata Benkenobi Band.
Inizio concerto ore 21.30

LUNGO LA STRADA ‑ Campo Sportivo ‑ LANDRIANO (PV)
MASSARONI PIANOFORTI IN CONCERTO
Un Cantautonomo (come ama definirsi), molto apprezzato
La cosa particolare che è accompagnato al basso da "Andrea Garavelli", vecchia conoscenza dei "Itullians", avendo fatto parte per anni dei Beggar's Farm, suonando spesso con Mick Abrahams,nei suoi concerti in Italia
Quindi oltre ad ascoltare ottime canzoni, un 'occasione per incontrare un'amico..
Massaroni Pianoforti approda al Wishlist Club di Roma (Via dei Volsci 126 B) per presentare il suo nuovo disco “GIU“
Gianluca Massaroni: voce, chitarra
Andrea Garavelli: basso
Stefano Bergonzi: chitarra
Alessandro Ferrari: batteria
Ingresso con tessera associativa + Contributo attività 2€
GIU è il terzo lavoro in studio del cantautonomo Gianluca Massaroni, il secondo con il nome d’arte Massaroni Pianoforti, che trae origine dalla ditta di famiglia in cui Gianluca lavora come accordatore di pianoforti. Gianluca esordisce discograficamente nel 2009 con “L’Amore Altrove”, prodotto da Radiorama/Sony e distribuito Sugar. Nel 2013 pubblica il suo secondo disco come Massaroni Pianoforti dal titolo “Non Date il Salame ai Corvi” prodotto da Musicraiser/BMG e distribuito Universal.
Ho affrontato il tema del nostro bipolarismo o schizofrenia sentimentale, il confrontarsi con la parte più nascosta e fragile di se’, un rapporto d’amore e di conflitto con cui prima o poi dovevamo farci i conti e l’ho chiamata GIU. In fondo è come una relazione di coppia con l’unica differenza che se finisce non puoi liberartene perché è parte di te, è uguale a te. Sono andato davvero a fondo, anzi più giù andando a vivere in un locale interrato che ho soprannominato ‘Bunker’, per poterlo descrivere e non è stato facile anche se sembrano solo l’ennesima manciata di canzoni sentimentali ma dovevo farlo, era necessario farne un Concept. Il titolo mi sarebbe piaciuto tenerlo ambiguo ma visto che dovevo scriverlo ho dovuto fare una scelta ed è caduta su di lei, su Giu ma senz’accento.” In fede Mp

CORSO GIUSEPPE MAZZINI ‑ CORREGGIO (RE)
FIORELLA MANNOIA

NOTTEBIANCA DI SAN GIOVANNI ‑ Piazza Cavour  ‑ SAN GIOVANNI VALDARNO (FI)
L’ORCHESTRA NAZIONALE DELLA REPUBBLICA POPOLARE DI DANGHISJA CON LA PARTECIPAZIONE STRAORDINARIA DI ANDREA KAEMMERLE & LA BANDA IMPROVVISA
La BANDA IMPROVVISA Con ORIO ODORI Clarinetto, ARLO BIGAZZI Basso, GIAMPIERO BIGAZZI Parole, Gracassa, Nacchere. La Speciale Banda Diretta Da Orio Odori E Giampiero Bigazzi È Nata Nel 2001 Con Il Sostegno Della Società Filarmonica G. Verdi Di Loro Ciuffenna, Antico Borgo Sulle Pendici Del Pratomagno (AR), E Prodotta Dalla Materiali Sonori. Banda Improvvisa Ha Al Suo Attivo Una Importante Discografia, Video, Brani Utilizzati In Colonne Sonore, Centinaia Di Concerti In Tutt'Italia E All'estero, Illustri Collaborazioni (Da Daniele Sepe Ad Alessandro Benvenuti, Dai PGR A Bandabardò Alla Kocani Orkestar Alla Banda Municipale Di Santiago De Cuba A Enrico Fink). Dal 2011, Quando Ha Saputo Ritornare Alla Ribalta Nazionale Con Lo Spettacolo "Camicia Rossa ‑ Canti E Storie Su Quei Ragazzi Che Fecero L'Italia", Si È Presentata Più Volte Con I Musicisti Che Fanno Riferimento All'ensemble Cantierranti, Con La Voce Di Anna Granata, I Racconti Di Giampiero Bigazzi E La Presenza Di Ottimi Solisti Che Più Volte Hanno Collaborato Con La Banda: Arlo Bigazzi Al Basso (Anche Produttore Dei Suoi Dischi), Mino Cavallo Alle Chitarre, Vittorio Catalano Ai Fiati, Ruben Chaviano Al Violino. Direzione, Musica E Arrangiamenti Di ORIO ODORI Direzione E Regia E Regia Di GIAMPIERO BIGAZZI Audio Luci: Music Factory Live Produzione: Materiali Sonori

BOTANIQUE FESTIVAL ‑ Giardini Via Filippo Re ‑ Laterale Via Irnerio ‑ BOLOGNA (BO)
GINEVRA DI MARCO
BOTANIQUE FESTIVAL
info:  BOtanique Festival ‑ Giardini Via Filippo Re ‑ laterale Via Irnerio ‑ BOLOGNA ‑ 338/5886972  ‑ www.estragon.it ‑ http://www.botanique.it/ ‑ https://www.facebook.com/BOtaniqueFestival ‑ https://twitter.com/botaniquefest

PIAZZA CARDUCCI ‑ BRISIGHELLA (RA)
THE GANG

ROCK TOWN ‑ Via Goetta, 76 ‑ CORDENONS (PN)
PINO SCOTTO
info:  338/1309003 ‑ Www.Facebook.Com/Rocktownpub ‑ Http://Www.Rock-Town.It/ ‑ 
Rocktownpub@Libero.It

SCENE DI PAGLIA ‑ Piazza Vittorio Emanuele II ‑ PIOVE DI SACCO (PD)
PAOLO FRESU, BEBO FERRA, PAOLINO DALLA PORTA, STEFANO BAGNOLI
Scene di paglia, Festival dei casoni e delle acque
IX edizione ‑ Ricordare il futuro
dal 17 giugno al 2 luglio 2017
Scene di paglia apre il 17 giugno con l’atteso concerto del Paolo Fresu Devil Quartet, nella suggestiva Piazza Vittorio Emanuele II di Piove di Sacco. Un viaggio musicale tra Africa e mondo occidentale attraverso il jazz, il rock e il meticcio. Con Paolo Fresu alla tromba, Bebo Ferra alla chitara, Paolino Dalla Porta al contrabbasso e Stefano Bagnoli alla batteria. Ingresso gratuito, con posto a sedere a pagamento (€ 15).

VITTORIA JAZZ FESTIVAL ‑ Piazza Enriquez ‑ VITTORIA (RG)
ANTONIO FARAO' "BOUNDARIES"
VITTORIA JAZZ FESTIVAL
info:  VITTORIA JAZZ FESTIVAL 0932/865693 ‑ 336 /888062 ‑ info@vittoriajazzfestival.it  ‑ www.vittoriajazzfestival.it ‑ www.facebook.com/vittoriajazzfestival
Antonio Faraò é da tempo l'orgoglio del giovane JAZZ italiano in tutto il mondo. Non si contano per lui i riconoscimenti, premi internazionali e partecipazioni ai jazz-festival più significativi. Vanta anche prestigiose collaborazioni discografiche, concerti e jam-session (molte delle quali avvenute sul nostro palco) con artisti di fama mondiale, come Pat Metheny, Lee Konitz, Steve Grossman, Tony Scott, Wayne Dockery, Richard Galliano, Billy Cobham, Franco Ambrosetti, Chico Freeman, Miroslav Vitous, John Abercrombie, senza contare invasioni nel campo della musica d' autore come le collaborazioni nientemeno che con Mina.
Ore 22,00

ANFITEATRO DEL VENDA ‑ Via Sottovenda, Cinto Euganeo ‑ GALZIGNANO TERME (PD)
THE WATCH+ASTRALIA @ EUGANEA PROG 2017
Da quattro anni l’associazione ArtEuganea ospita a Galzignano (Padova) il gruppo milanese The Watch, riscoprendo in ogni occasione un pubblico sempre più interessato e appassionato alla musica progressive. Grazie al supporto organizzativo e logistico de La Mela di Newton, nasce così l’idea di dar vita ad un festival immerso nel verde dei Colli, Euganea Prog. Il luogo ideale per questo evento non poteva che essere il suggestivo Anfiteatro del Venda, una conca naturale nella quale è stato allestito uno spettacolare palcoscenico panoramico. L’ambizioso progetto, che si svilupperà in due momenti, intratterrà il pubblico per oltre 3 ore, spaziando dalla musica progressive contemporanea ad una delle pietre miliari del prog anni ’70.
Molti sanno che The Watch, una delle cover band Genesis più apprezzate e riconosciute a livello internazionale, ha anche all’attivo sette album di propria produzione. Con entusiasmo la band milanese ha voluto includere la prima edizione di Euganea Prog nel suo tour europeo 2017. Per l’occasione si esibirà con un repertorio originale che comprenderà anche brani tratti dall’ultimo lavoro discografico “Seven”.
Altra formazione del panorama progressive italiano chiamata per la particolare occasione è il gruppo padovano Astralia. Nato nel 1999 su iniziativa del bassista e compositore Riccardo Loriggiola, il gruppo propone sonorità rievocanti band storiche quali King Crimson, Rush e Queensryche attraverso brani originali tratti da album di propria produzione. Saranno loro a chiudere la prima parte di “Euganea Prog 2017”.
Grazie alla collaborazione con la Cooperativa Terra di Mezzo sarà poi possibile degustare in loco piatti freddi e ottimo vino Ca’ Lustra, in vista della seconda ed ultima parte della serata, con la rievocazione dell’album “Foxtrot” dei Genesis, nell’interpretazione che solo la band The Watch sa proporre.
Programma:
18:00 – The Watch plays The Watch
19:00 – Astralia
20:00 – pausa (con possibilità di ristoro)
21:00 – The Watch plays Genesis “Foxtrot”
Costo biglietto 20 euro + d.p.*
* In caso di maltempo l’organizzazione garantirà lo svolgimento regolare dell’evento presso l’Auditorium comunale di Galzignano Terme per le prime 200 prenotazioni (capienza max).



17-18 giugno 2017

CASCINA CAREMMA (CAREMMA GROUP) ‑ Via Cascina Caremma, 2 ‑ BESATE (MI)
PROG&FROG MUSIC FESTIVAL
info:  Centralino prenotazioni e informazioni 02/9050020 ‑ https://www.facebook.com/cascinacaremma ‑ info@caremma.com ‑ www.caremma.com
La prima giornata del Prog and Frogs Music Festival vedrà alternarsi sul palco Acoustic Tri-On, Cellar Noise e Maxophone.
La seconda giornata del Prog and Frogs Music Festival vedrà alternarsi sul palco Floating Frequencies, Mau di Tollo, Unreal City, Garybaldi, CFC.
Dalle ore 14 mercatino New Age.
Inizio concerti ore 18


Domenica 18/06

LEGART 2A EDIZIONE ‑ Piazza Municipio ‑ AVERSA (CE)
NCCP NUOVA COMPAGNIA DI CANTO POPOLARE
Festival della legalità e delle eccellenze di terra di Lavoro....La Nccp chiude il 18 a piazza Municipio.
Ingresso gratuito

SPAZIO LIGERA ‑ Via Padova, 133 ‑ MILANO (MI)
TRIBUTO A CLAUDIO ROCCHI ‑ UNA FOTOGRAFIA
FRANCESCO ZAGO, MAURIZIO MARSICO, VINCENZO ZITELLO, TAI NO-ORCHESTRA, ODRZ
ticket www.odrz.org
Una grande serata tributo ai mondi di Claudio Rocchi, visionario, musicista, poeta, nel quarto anniversario della sua scomparsa.
5 live set
FRANCESCO ZAGO (chitarrista di formazioni come Yugen Empty Days e continuatore della epopea R.I.O in Italia)
MAURIZIO MARSICO (protagonista della scena elettronica dagli anni ottanta)
VINCENZO ZITELLO (il “bardo” della musica italiana, arpista apprezzatissimo e autore di numerosi album da solista)
TAI No-ORCHESTRA (collettivo di performers e improvvisatori che vedono coinvolto anche il fotografo Roberto Masotti)
ODRZ (esponenti di punta del sottomondo noise-industrial)
Presenta: ANTONELLO CRESTI, saggista e giornalista musicale
Stand a cura del team Solchi Sperimentali Discografici / crac edizioni
Ingresso 8,00= euro /// no tessera necessaria
alle 21:30

FESTA EUROPEA DELLA MUSICA ‑ Parco Della Rocca ‑ ROMANO DI LOMBARDIA (BG)
PROWLERS
I Prowlers sono una band di rock progressivo e psichedelico italiana, fondata nel 1985 da Laura Mombrini (voce), Gianni Radici (chitarra), Roberto Biglioli (percussioni), Fabio Dehò (basso) e Alfio Costa (tastiere). L’ultimo lavoro è Mondi Nuovi (2014).
Inizio concerto ore 21


Lunedì 19/06

CASTELLO CANEVARO ‑ Via Luisa Canevaro, 18 ‑ ZOAGLI (GE)
POESIA E CANZONI":
BERNARDO LANZETTI, TRIBUTO A BOB DYLAN
Lunedì 19 giugno si cercherà di riproporre quella magia nata a Zoagli (Ge). E' proprio nella località ligure che verrà consegnata la Cittadinanza ad Honorem post mortem a Greg Lake, alla presenza della moglie Regina. Alle ore 21 concerto di Bernardo Lanzetti, tributo a Bob Dylan, tra poesia e canzoni... non mancate il 19 giugno!
IL COMUNE DI ZOAGLI VI INVITA
lun 19 giugno
CASTELLO CANEVARO ‑ ZOAGLI (GE) ‑ ITALY
ENTRATA LIBERA
ORE 18.00
CERIMONIA PER LA CONSEGNA DELLA
CITTADINANZA AD HONOREM Dl ZOAGLI A
GREG LAKE
FRONTMAN DEI KING CRIMSUN E DEGLI EMERSON LAKE & PALMER
RITIRERA' L'ONOREFICENZA LA MOGLIE REGINA LAKE
SHOW CON OSPITI “RICORDANDO GREG LAKE”:
PAOLA TAGLIAFERRO ‑ PIER GONELLA ‑ GIULIANO PALMERI ‑ CLAUDIO POZZANI
BERNARDO LANZETTI ‑ FRANCESCO PAOLO PALADINO
MAR!A ASSUNTA KARlN ‑ BARBARA GARASSINO
OSPITE DEL FESTIVAL INTERNAZIONALE DI POESIA IL PREMIO NOBEL
PER LA LETTERATURA GAO XINGJIAN
SEGUIRA' ORE 21 CONCERTO
POESIA E CANZONI"
BERNARDO LANZETTI
TRIBUTO A BOB DYLAN
ore 21
Le canzoni sono da considerarsi poesia?
Molto si è discusso di ciò in passato e finalmente, in occasione del Premio Nobel a Bob Dylan, si è arrivati a questo enunciato:
-I testi delle canzoni sono poesia ma nella cosiddetta tradizione della “poesia orale”.
Insomma Bob Dylan, Leonard Cohen, Jaques Brel, Fabrizio De Andrè e via cantando, sarebbero più propriamente gli eredi di Omero e Saffo piuttosto che colleghi di Garcia Lorca o Giacomo Leopardi.
E’ in questa ottica che Bernardo Lanzetti, già dagli anni ‘60 cultore e interprete dei lavori Bob Dylan, intende porgere questo suo concerto riallacciando le emozioni del passato alle consapevolezze del presente.
Unico artista italiano citato nell’enciclopedica “Bob Dylan Covers”, opera web che raccoglie tutti gli artisti che hanno omaggiato, con incisioni e pubblicazioni, il menestrello di Duluth,
Bernardo suonerà, canterà e sarà narratore di episodi e aneddoti sulla vita del premio Nobel.

CHIESA DI SAN FRANCESCO ‑ Corso Il Rossellino, 26 ‑ PIENZA (SI)
JOHN HACKETT & MARCO LO MUSCIO
PIENZA INTERNATIONAL MUSIC FESTIVAL “IVO PETRI”
Già insieme nel progetto Playing the History, John Hackett & Marco Lo Muscio quest’oggi si esibiscono in un duetto flauto/pianoforte proponendo lo spettacolo “Genesis” e “Lord of the Rings”.
Inizio concerto ore 12
Ingresso gratuito

MONASTERO DI SANT'ANNA IN CAMPRENA ‑ PIENZA (SI)
JOHN HACKETT & MARCO LO MUSCIO
PIENZA INTERNATIONAL MUSIC FESTIVAL “IVO PETRI”
Già insieme nel progetto Playing the History, John Hackett & Marco Lo Muscio quest’oggi si esibiscono in un duetto flauto/pianoforte proponendo lo spettacolo “Vision from Reinassance to Contemporary Music”.
Inizio concerto ore 18.15
Ingresso gratuito


Martedì 20/06

TEATRO ROMANO ‑ Regaste Redentore, 2 ‑ VERONA (VR)
BILLY COBHAM
info: VERONA JAZZhttp://www.venetojazz.com/ ‑ jazz@venetojazz.com – 0423/452069 ‑ 3483297915

TEATRO DEGLI ARCIMBOLDI ‑ Viale Dell'innovazione, 1 ‑ MILANO (MI)
IVAN CATTANEO
info:  02/641142212-214 ‑ www.teatroarcimboldi.org

CATTEDRALE ‑ Piazza Della Cattedrale ‑ ORVIETO (TR)
JOHN HACKETT & MARCO LO MUSCIO
info:  Già insieme nel progetto Playing the History, John Hackett & Marco Lo Muscio quest’oggi si esibiscono in un duetto flauto/pianoforte.
Inizio concerto ore 15.30


Mercoledì 21/06

CARROPONTE ‑ Via Granelli 1 ‑ SESTO SAN GIOVANNI (MI)
AVION TRAVEL, MUSICA NUDA / PETRA MAGONI + FERRUCCIO SPINETTI
info:  392/3244674 ‑ info@carroponte.org ‑ http://www.carroponte.org

ALPEN FLAIR FESTIVAL 2017 ‑ Ex- Base NATO, Alpen Flair ‑ LOCALITÀ: NAZ-SCIAVES (BZ)
SEPULTURA
SEPULTURA Icone Dell'heavy Metal Brasiliano

TEATRO ROMANO ‑ Regaste Redentore, 2 ‑ VERONA (VR)
PAOLO FRESU, PAOLINO DALLA PORTA, BEBO FERRA
info: VERONA JAZZhttp://www.venetojazz.com/ ‑ jazz@venetojazz.com ‑ 0423/452069 ‑ 3483297915

LANIFICIO 159 ‑ VIA DI PIETRALATA 159/A ‑ ROMA (RM)
MASSARONI PIANOFORTI IN CONCERTO
Un Cantautonomo (come ama definirsi), molto apprezzato
La cosa particolare che è accompagnato al basso da "Andrea Garavelli", vecchia conoscenza dei "Itullians", avendo fatto parte per anni dei Beggar's Farm, suonando spesso con Mick Abrahams,nei suoi concerti in Italia
Quindi oltre ad ascoltare ottime canzoni, un 'occasione per incontrare un'amico..
Massaroni Pianoforti approda al Wishlist Club di Roma (Via dei Volsci 126 B) per presentare il suo nuovo disco “GIU“
Gianluca Massaroni: voce, chitarra
Andrea Garavelli: basso
Stefano Bergonzi: chitarra
Alessandro Ferrari: batteria
Ingresso con tessera associativa + Contributo attività 2€
GIU è il terzo lavoro in studio del cantautonomo Gianluca Massaroni, il secondo con il nome d’arte Massaroni Pianoforti, che trae origine dalla ditta di famiglia in cui Gianluca lavora come accordatore di pianoforti. Gianluca esordisce discograficamente nel 2009 con “L’Amore Altrove”, prodotto da Radiorama/Sony e distribuito Sugar. Nel 2013 pubblica il suo secondo disco come Massaroni Pianoforti dal titolo “Non Date il Salame ai Corvi” prodotto da Musicraiser/BMG e distribuito Universal.
Ho affrontato il tema del nostro bipolarismo o schizofrenia sentimentale, il confrontarsi con la parte più nascosta e fragile di se’, un rapporto d’amore e di conflitto con cui prima o poi dovevamo farci i conti e l’ho chiamata GIU. In fondo è come una relazione di coppia con l’unica differenza che se finisce non puoi liberartene perché è parte di te, è uguale a te. Sono andato davvero a fondo, anzi più giù andando a vivere in un locale interrato che ho soprannominato ‘Bunker’, per poterlo descrivere e non è stato facile anche se sembrano solo l’ennesima manciata di canzoni sentimentali ma dovevo farlo, era necessario farne un Concept. Il titolo mi sarebbe piaciuto tenerlo ambiguo ma visto che dovevo scriverlo ho dovuto fare una scelta ed è caduta su di lei, su Giu ma senz’accento.” In fede Mp

TEATRO DEGLI ARCIMBOLDI ‑ Viale Dell'innovazione, 1 ‑ MILANO (MI)
MASSIMO PRIVIERO
info:  02/641142212-214 ‑ www.teatroarcimboldi.org

POLIMIFEST 2017 ‑ Piazza Leonardo ‑ MILANO (MI)
CONCERTO VERSATILE DI ANTONELLA RUGGIEROCONCERTO VERSATILE DI ANTONELLA RUGGIERO
ore 21.30 Polimifest 2017


La rivista www.mat2020.com


MUSICARTEAM www.musicarteam.com